Knight’s pickup: come gli uomini conquistavano le donne

Written by Dylan Ashton on 16.12.2020 in ! Non categorizzato with no comments.

Le donne sognano di vedere un uomo accanto a lui che sa prendersi cura magnificamente ed è in grado di compiere un’impresa per il bene di una bella signora. Sfortunatamente, oggi non troverai galanti gentiluomini e veri gentiluomini nel pomeriggio con il fuoco. E c’erano volte …

Pickup del cavaliere

L’immagine di un cavaliere senza paura e rimprovero vive nell’anima di ogni ragazza fino ad oggi. È difficile immaginare come fossero i cavalieri medievali, ma gli scrittori ne fecero nobili eroi che sanno come difendere l’onore e conquistare sempre l’amore della Bella Signora. Dobbiamo l’aspetto di uomini veri ai francesi. La cavalleria e l’ammirazione per le donne nacquero nella ricca Provenza nell’XI secolo e da lì si diffusero in tutta Europa. Il sud della Francia a quel tempo era considerato progressista: qui si svilupparono il commercio e l’artigianato, fiorì la letteratura. Le ragazze provenzali erano istruite, ben educate, ma, soprattutto, rimanevano indipendenti e orgogliose. Gli uomini provenzali non erano inferiori alle donne: possedevano non solo armi, ma anche ottime maniere.

Per l’iniziazione ai cavalieri, non c’è abbastanza coraggio e spada, devi scegliere una Bella Signora. Uno dei comandamenti cavallereschi diceva persino che senza amore è impossibile ottenere coraggio e gloria. Ogni ragazza era adatta al ruolo di una signora del cuore: sposata o single, nobile o semplice, innamorata di un’altra o che condivideva i sentimenti di un cavaliere. Una cosa era richiesta alla ragazza: permetterle di essere corteggiata. Spesso era amore platonico. Il cavaliere non sposò quasi mai la Bella Signora, ma fino alla fine dei suoi giorni continuò a servirla. A volte i cavalieri mostravano segni di attenzione quando necessario. Quindi, una signora nel Medioevo, con tutto il suo desiderio, non aprirebbe mai una porta di quercia, senza un aiuto esterno non sarebbe salita su un cavallo. Oggi una signora può facilmente aprire la portiera e scendere dalla macchina, ma devi ammetterlo, è comunque bello quando ti viene data una mano.

Serenate sotto la finestra

I cavalieri capirono presto che le donne amano con le orecchie, quindi l’armatura veniva rilasciata solo a coloro che sapevano scrivere poesie e suonare uno strumento musicale. Poi erano diffusi fiati (tromba, cornamusa, flauto), archi (violino, arpa, gusli, ecc.) E percussioni (tamburi, triangolo, tamburello). Ovviamente non tutti i cavalieri avevano una buona voce. Spesso, musicisti itineranti venivano assunti per eseguire serenate sotto le finestre dell’amato. In Italia e in Spagna venivano chiamati trovatori, in Inghilterra e in Francia – menestrelli. I concerti d’amore serali si sono svolti secondo uno scenario speciale precedentemente concordato con il cavaliere. (A proposito, anche il grande Mozart guadagnava denaro scrivendo serenate per innamorati. Era già nel XVIII secolo). Se alla signora piaceva il numero musicale, il fan veniva ricompensato con un sorriso o un fiore. A volte la ragazza si concedeva di lanciare una scala di corda al cavaliere, lungo la quale saliva sul balcone per la sua amata. Come non sciogliersi da tali azioni!

Portafoglio o onore

Una delle principali qualità di un vero cavaliere è la generosità. Questa virtù occupa il primo posto nel codice dei guerrieri medievali. Gli uomini avidi non erano accettati nella società. A proposito, la rovina non era così grave come entrare nella lista degli avari. I cavalieri erano pronti a sacrificare un portafoglio per il bene di una bella signora.

Ama il tuo nemico

Il codice d’onore cavalleresco non permetteva nemmeno un cattivo atteggiamento nei confronti dei rivali. In amore, come in guerra, bisogna agire con coraggio. Era impossibile attaccare una persona disarmata o da dietro. Le donne hanno sempre ammirato gli uomini nobili che sono abituati a recitare piuttosto che a intrigare..

Comments are closed.